Skip to main content Skip to search Skip to header Skip to footer

Quali pensieri sono di Dio?

Da L'Araldo della Scienza Cristiana - 27 gennaio 2020

Originariamente pubblicato sul numero del 6 gennaio 2020 del Christian Science Sentinel


Ogni momento di ogni giorno abbiamo tutti tanti pensieri. Pensieri belli che ci rendono felici e ci fanno sentire amati, e alle volte pensieri che non sembrano così belli. Come si fa a sapere quali di questi pensieri sono pensieri di Dio? 

Nella Bibbia, Dio dice: “Io so i pensieri che medito per voi… pensieri di pace e non di male…” (Geremia 29:13).

Questi buoni pensieri che vengono da Dio non finiscono mai. Si trovano dappertutto e sono potenti, perché i pensieri di Dio sono reali. Ci fanno sentire amati e al sicuro. Ci fanno essere gentili e ci fanno stare in buona salute.

I pensieri che ci fanno stare male, invece, non sono pensieri di Dio e non sono nostri amici. Se i pensieri non vengono dall’Amore, Dio, non sono gentili e buoni e non dobbiamo ascoltarli. 

Sai che i pensieri vengono da Dio, Amore, quando sembrano:

  • curiosi, come una piccola volpe
  • silenziosi, come qualcuno che ascolta
  • generosi, come qualcuno che vuole condividere qualcosa
  • sicuri, come una promessa mantenuta
  • belli, come un riflesso in un laghetto
  • confortevoli, come una calda coperta
  • felici, come una giornata al mare
  • maestosi, come le grandi montagne
  • veloci, come un uccello che vola alto
  • divertenti, come una farfalla su una rana
  • armoniosi, come le persone che cantano
  • guaritori, come un cuore che dice “sì!”

Puoi ascoltare i pensieri di Dio e sentire l’Amore di Dio ogni giorno!

ACCESS MORE GREAT ARTICLES LIKE THIS!

Welcome to Herald-Online, the home of The Christian Science Herald. We hope you'll enjoy this article that has been shared with you.

To receive full access to the Heralds, activate an account using your print Herald subscription, or subscribe to JSH-Online today!

La missione de L’Araldo

L’Araldo della Scienza Cristiana fu fondato nel 1903 da Mary Baker Eddy. Il suo scopo è di “proclamare l’attività e la disponibilità universali della Verità”. La definizione di “araldo”, come indicata in un dizionario: “colui che avverte — un messaggero mandato avanti per annunciare l’approssimarsi di ciò che segue”, dà un significato particolare al nome Araldo ed inoltre indica il nostro dovere, il dovere di ognuno di noi, di vedere che i nostri Araldi assolvano alla loro responsabiità, una responsabilità inseparabile dal Cristo e annunciata per la prima volta da Gesù (Marco 16:15): “Andate per tutto il mondo e predicate l’evangelo ad ogni creatura”.

Mary Sands Lee, Christian Science Sentinel, 7 luglio 1956

Scopri di più su L’Araldo e sulla sua missione.