Skip to main content Skip to search Skip to header Skip to footer

ANNUNCIO

Da L'Araldo della Scienza Cristiana - 28 settembre 2021


L’ufficio dell’Agente dell’Editore, Scritti di Mari Baker Eddy, a La Chiesa Madre è lieto di annunciare che sarà presto disponibile per la lettura e lo studio la prima traduzione assoluta in italiano dei libri di Mary Baker Eddy La guarigione cristiana e L’idea che gli uomini hanno di Dio — Il suo effetto sulla salute e sul Cristianesimo, in un volume unico. Pronunciati da Mary Baker Eddy per la prima volta nel 1980 come sermoni, questi testi furono in seguito pubblicati come opuscoli da distribuire. Questa è la prima volta che sono disponibili in lingua italiana.

La traduzione di questi testi è iniziata decenni fa, grazie al lavoro di capaci e devoti membri in Italia. Una volta completati, i manoscritti furono archiviati. Nel 2019 sono stati ritrovati. Da allora l’ufficio dell’Agente dell’Editore, Scritti di Mary Baker Eddy, ha lavorato con membri italiani per elaborare l’attuale versione in italiano moderno. Inoltre, le citazioni dalla Bibbia sono state conformate alla traduzione in italiano autorizzata dal Consiglio dei Direttori della Scienza Cristiana nel 2020, La Nuova Diodati 91/03 pubblicata da La Buona Novella Inc.

Rilegati insieme in un unico volume, questi due libretti saranno presto disponibili per essere ordinati online su shop.christianscience.com o presso le Sale di Lettura della Scienza Cristiana. Per qualsiasi commento o domanda, inviare un’email a mbetranslations@csps.com o chiamare il numero +1 617 450 2790.

Seguono due brevi estratti della pubblicazione.

Con gratitudine,

Jennifer McLaughlin, CS
Agente dell’Editore, Scritti di Mary Baker Eddy
a nome del Consiglio dei Direttori della Scienza Cristiana, Editore

 

Christian Healing, 3:24
Mary Baker Eddy

The Scriptures declare that “God is Love, Truth, and Life,” — a trinity in unity; not three persons in one, but three statements of one Principle. We cannot tell what is the person of Truth, the body of the infinite, but we know that the Principle is not the person, that the finite cannot contain the infinite, that unlimited Mind cannot start from a limited body. The infinite can neither go forth from, return to, nor remain for a moment within limits. We must give freer breath to thought before calculating the results of an infinite Principle, — the effects of infinite Love, the compass of infinite Life, the power of infinite Truth. Clothing Deity with personality, we limit the action of God to the finite senses. We pray for God to remember us, even as we ask a person with softening of the brain not to forget his daily cares. We ask infinite wisdom to possess our finite sense, and forgive what He knows deserves to be punished, and to bless what is unfit to be blessed. We expect infinite Love to drop divinity long enough to hate. We expect infinite Truth to mix with error, and become finite for a season; and, after infinite Spirit is forced in and out of matter for an indefinite period, to show itself infinite again. We expect infinite Life to become finite, and have an end; but, after a temporary lapse, to begin anew as infinite Life, without beginning and without end.

La guarigione cristiana 3:24
Mary Baker Eddy

Le Scritture dicono che «Dio è Amore, Verità e Vita», una trinità nell’unità; non tre persone in una, ma tre affermazioni di un solo Principio. Non siamo in grado di dire quale sia la persona della Verità, il corpo dell’infinito, ma sappiamo che il Principio non è la persona, che il finito non può contenere l’infinito, che la Mente illimitata non può iniziare da un corpo limitato. L’infinito non può uscire da dei limiti o tornarvi, né rimanervi per un istante. Dobbiamo dare più ampio respiro al pensiero prima di calcolare i risultati di un Principio infinito: gli effetti dell’Amore infinito, la portata della Vita infinita, il potere della Verità infinita. Rivestendo la Deità di personalità, limitiamo l’azione di Dio ai sensi limitati. Preghiamo perché Dio si ricordi di noi come se chiedessimo a una persona con il cervello indebolito di non dimenticarsi delle sue cure quotidiane. Chiediamo alla saggezza infinita di possedere il nostro senso finito, di perdonare ciò che Egli ritiene giusto punire e di benedire ciò che non merita benedizione. Pretendiamo che l’Amore infinito tralasci la sua divinità il tempo necessario per odiare. Pretendiamo che la Verità infinita si unisca all’errore e diventi limitata per un po’ di tempo e, dopo che lo Spirito infinito è stato obbligato ad entrare ed uscire dalla materia per un periodo indefinito, che si mostri nuovamente infinito. Pretendiamo che la Vita infinita diventi limitata e che abbia una fine, ma dopo un lasso temporale ricominci come Vita infinita, senza inizio e senza fine. 

The People’s Idea of God—Its Effect on Health and Christianity, 5:10
Mary Baker Eddy

The ideals of primitive Christianity are nigh, even at our door. Truth is not lost in the mists of remoteness or the barbarisms of spiritless codes. The right ideal is not buried, but has risen higher to our mortal sense, and having overcome death and the grave, wrapped in a pure winding-sheet, it sitteth beside the sepulchre in angel form, saying unto us, “Life is God; and our ideal of God has risen above the sod to declare His omnipotence.” This white-robed thought points away from matter and doctrine, or dogma, to the diviner sense of Life and Love, — yea, to the Principle that is God, and to the demonstration thereof in healing the sick. Let us then heed this heavenly visitant, and not entertain the angel unawares. 

L’idea che gli uomini hanno di Dio—Il suo effetto sulla salute e sul Cristianesimo 5:10
Mary Baker Eddy

Gli ideali del Cristianesimo delle origini sono vicini, addirittura alla nostra porta. La Verità non è persa nelle brume della lontananza o nei barbarismi di codici inanimati. Il vero ideale non è sepolto, ma si è elevato al di sopra del nostro senso mortale, e avendo sconfitto la morte e la tomba, avvolto in un puro sudario, siede accanto al sepolcro sotto forma di angelo e ci dice: «La Vita è Dio, e il nostro ideale divino è risorto al di sopra della terra per dichiarare l’onnipotenza di Dio». Questo pensiero vestito di bianco distoglie dalla materia e dalla dottrina, o dogma, indirizzando verso il senso più divino di Vita e Amore — sì, verso il Principio che è Dio, e verso la relativa dimostrazione nella guarigione dei malati. Perciò ascoltiamo questo visitatore celeste, consapevoli dell’angelo che ospitiamo.

La missione de L’Araldo

L’Araldo della Scienza Cristiana fu fondato nel 1903 da Mary Baker Eddy. Il suo scopo è di “proclamare l’attività e la disponibilità universali della Verità”. La definizione di “araldo”, come indicata in un dizionario: “colui che avverte — un messaggero mandato avanti per annunciare l’approssimarsi di ciò che segue”, dà un significato particolare al nome Araldo ed inoltre indica il nostro dovere, il dovere di ognuno di noi, di vedere che i nostri Araldi assolvano alla loro responsabiità, una responsabilità inseparabile dal Cristo e annunciata per la prima volta da Gesù (Marco 16:15): “Andate per tutto il mondo e predicate l’evangelo ad ogni creatura”.

Mary Sands Lee, Christian Science Sentinel, 7 luglio 1956

Scopri di più su L’Araldo e sulla sua missione.